Eseguire varianti a titoli abilitativi edilizi

Eseguire varianti a titoli abilitativi edilizi

Nel corso dei lavori assentiti con permesso di costruire, entro il suo termine di validità, è possibile eseguire opere in variante che dovranno essere comunicate con Segnalazione certificata di inizio attività, da presentare prima della comunicazione di fine lavori (Decreto del Presidente della Repubblica 06/06/2001, n. 380, art. 22).

Sono ammesse le varianti a permessi di costruire che:

  • non incidano sui parametri urbanistici e sulle volumetrie
  • non modifichino la destinazione d’uso e la categoria edilizia
  • non alterino la sagoma dell’edificio, qualora sottoposto a vincolo ai sensi del Decreto legislativo 22/01/2004, n. 42
  • non violino le eventuali prescrizioni contenute nel permesso di costruire.

Sono inoltre ammesse le varianti a permessi di costruire che non configurano una variazione essenziale, a condizione che siano conformi alle prescrizioni urbanistico-edilizie e siano attuate dopo l'acquisizione degli eventuali atti di assenso prescritti dalla normativa sui vincoli paesaggistici, idrogeologici, ambientali, di tutela del patrimonio storico, artistico ed archeologico e dalle altre normative di settore.

Puoi trovare questa pagina in

Sezioni: Istanze edilizie
Ultimo aggiornamento: 03/10/2019 18:49.36